Terremoto in Abruzzo 7 – Riassunto Studio Rainbow (Progetto San Camillo)

 Progetto San Camillo

Aggiornamento 5

  1. Titolo del progetto: STUDIO RAINBOW1: Storia naturale dei Disturbi da Stress Postraumatico (PTSD) nei bambini abruzzesi esposti al terremoto dell’aprile 2009

Board

  • Direttore: Stefano Vicari, MD, Primario Neuropsichiatra Infantile, Osp. Ped. Bambino Gesù, Roma
  • Alberto G. Ugazio, MD, Direttore Dipartimento di Pediatria Osp. Ped. Bambino Gesù, Roma
  • Aberto E. Tozzi, MD, UO Epidemiologia, Osp. Ped. Bambino Gesù, Roma
  • Adima Lamborghini, MD, Pdf, Pdf Abruzzo e Vice presidente SIMEUP Abruzzo
  • Vittorio Nozza, Caritas Italia
  • Donato Salfi, Psicologo-Psicoterapeuta, Docente IMR, Docente Università di Bari
  • Fiorella Monteduro, Psicologa-Psicoterapeuta, Avezzano (AQ), Presidente ISAC Pro,
  • Giovanni Valeri, MD,Neuropsichiatra Osp. Ped. Bambino Gesù, Roma
  • Mariarosaria Filograna, MD, Pdf, Rotary
  • Marta Ciofi degli Atti, MD, Dir. Sanitaria, Osp. Ped. Bambino Gesù, Roma
  • Piero Di Saverio, MD, Segretario FIMP Abruzzo e vicesegretario Nazionale FIMP, Teramo
  • Raffaele Arigliani, MD, Direttore IMR e Segretario Gruppo Italiano di Counselling in Pediatria
  • Scott Binet, MD, president SOS Doctors, Responsabile Camillian Task Force (CTF), Milwaukee (USA)

 

  1. Basi scientifiche e obiettivi della ricerca.

       Molte Regioni italiane sono a rischio di terremoti e disastri ambientali. Il 6 Aprile 2009 un terribile terremoto ha interessato  la città dell’ Aquila e in maniera diversificata gran parte del territorio abruzzese, mietendo centinaia di vittime tra morti e feriti e costringendo all’abbandono delle proprie casa circa 30.000 persone. Poche informazioni vi sono in Italia di quale sia  l’impatto psicologico e i fattori facilitanti o ostacolanti il Post-Traumatic Stress Disorder (PTSD), a distanza di più di 6 mesi dall’evento, nei bambini e adolescenti che hanno subito questo tipo di eventi. Inoltre  i Pediatri di famiglia (pdf) scarsa formazione nel tradizionale iter di studi sulle abilità di counselling e su come riconoscere, affrontare e inviare eventualmente allo specialista Neuropsichiatra Infantile e  Psicologo i bambini o ragazzi con PTSD . Obiettivi:

  1. Misurare, a distanza di 12 e di 24 mesi dal trauma, la prevalenza del PTSD  in un campione di bambini e preadolescenti esposti al terremoto del 6 aprile 2009 in Abruzzo.
  2. Testare la sensibilità e la specificità della scheda CBCL come strumento predittivo di diagnosi di PTSD
  3. Sintetizzare  la conoscenza rintracciabile nella letteratura internazionale su questa sindrome
  4. Identificare i fattori di rischio e i fattori protettivi del PTSD nella popolazione pediatrica abruzzese.
  5. Valutare l’utilità percepita dei Pediatri di un breve percorso di formazione al counselling e al PTSD

 

  1. Tipo di Studio:      Multicentrico      

 

  1. Tipologia dei soggetti:      patologia: sani e affetti da PTSD

Sesso: M e F

età: 3-14 anni

  1. Numero di soggetti da includere (nel caso di sperimentazione multicentriche, indicare anche il loro numero complessivo) :7.200

 

  1. Criteri di inclusione:  bambini di età compresa tra 3 e 14 anni seguiti dai pdf arruolati

 

  1. Criteri di esclusione: non accettazione proposta arruolamento

 

  1. Disegno sperimentale   osservazionale di coorte.             
  2. Considerazioni statistiche

I dati raccolti saranno sottoposti ad analisi statistica al fine di rispondere alle domande di studio relative all’ epidemiologia del fenomeno e all’ individuazione di fattori di rischio e di fattori protettivi:

  1. Durata dello studio :

24 mesi. Inizio studio 1 marzo 2010. Fase preliminare di formazione inizio luglio 2009.

10.  Criteri per la valutazione dei risultati, inclusi eventuali questionari sulla qualità della vita :

Stima, a distanza di 12 e di 24 mesi dal trauma, della prevalenza del PTSD  in una coorte di bambini e adolescenti esposti al terremoto del 6 aprile 2009 in Abruzzo.

Misura del grado di correlazione tra fattori personali, familiari, relazionali, sociali ed educativi e i sintomi di PTSD per individuare e descrivere fattori di rischio e fattori protettivi del PTSD nella popolazione in studio a 12 e 24 mesi dall’evento.

Raccolta dei dati preliminari sui criteri di appropriatezza professionale, relazionale e organizzativa, sulla sostenibilità percepita e sugli esiti relativamente al processo di riconoscimento dei sintomi di PTSD che viene implementato dai Pediatri di Libera Scelta dopo una specifica formazione nelle abilità di counselling.

11.  Fattibilità dello studio

 Gli aspetti organizzativi e il  data management saranno a cura della IMR. Saranno arruolati per lo studio PTSD 7200 bambini rivisti dopo 12 mesi . Si stima che 1440 bambini saranno sottoposti a visita specialistica neuropsichiatrica.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s