Terremoto in Abruzzo 9 – Progetto San Camillo/Studio Rainbow

 

Aggiornamento 7

Terremoto Abruzzo un anno dopo: cosa è stato fatto?

Prima parte 

È trascorso un anno dal giorno in cui un terremoto di 5,8° della scala Richter ha distrutto la città dell’Aquila e i paesini vicini. 308 persone persero la vita, 1600 furono i feriti, più di 65.000 gli sfollati. Da quando la notizia, a mezzo stampa, iniziò a fare il giro del mondo, enti e associazioni di vario genere si sono attivati per portare soccorso alle popolazioni colpite. Per molti mesi non si parlò d’altro. Poi, il silenzio. Ma se da un lato l’attenzione dei media si è spostata su altri fatti di cronaca, dall’altro non è venuto meno l’interesse e il lavoro da parte di chi in questa situazione si è inserito in maniera concreta, lavorando in silenzio, lontano dai riflettori. Tra questi, i Camilliani e in particolar modo la Camillian Task Force, hanno fatto sì che il loro aiuto continuasse nel tempo, avviando alcuni progetti che nel corso di questi mesi hanno visto il coinvolgimento di varie persone, sia come semplici cittadini, sia come rappresentanti di enti.

Per tale motivo, la CTF central vuole rendere partecipi quanti insieme ad essa hanno creduto nei progetti avviati a favore dell’aquila ferita, offrendo il loro prezioso aiuto affinché ritornasse a volare. Riportiamo di seguito i risultati raggiunti nel corso di quest’anno.

Studio Rainbow

Background

 All’interno del “Progetto San Camillo”, in collaborazione con IMR (Italian Medical Research) e l’Ospedale Bambin Gesù di Roma, ha preso vita lo Studio Rainbow. Lo studio, finalizzato a comprendere gli effetti del trauma sulla psiche dei bambini, vede la partecipazione di 54 PdF e di un campione di 7.200 bambini e adolescenti, di entrambi i sessi, di età compresa tra i 6 e i 14 anni esposti al terremoto del 6 aprile. Inoltre, tale studio mira a formare i Pediatri di Famiglia (PdF) e il personale scolastico sul riconoscimento dei sintomi del disturbo post traumatico da stress (PTSD) sulla popolazione infantile.

Apprezzato dal Presidente della Regione Abruzzo che ha inviato parole di incoraggiamento per il proseguimento dello stesso, il progetto è stato presentato alla stampa nello scorso gennaio suscitando grande risonanza in più di 20 testate giornalistiche. Attualmente è in corso la fase di “istruzione pratica” del progetto- curata dalla Dottoressa Nadia Mirante (psicologa sperimentale del Bambin Gesù di Roma, esperta di sistemi statistici e informatici) e dalla Sig.ra Marisa Scognamiglio (segretaria dell’IMR) – mirata alla raccolta del materiale e della campionatura dei pazienti e all’incontro con i vari pediatri per fornire loro ulteriori indicazioni per le procedure di raccolta dati. Sono in stato di svolgimento inoltre, i contatti operativi sia con l’Università dell’ Aquila che con lo Istituto Superiore di Sanità, con il comune obiettivo di conoscere e condividere i diversi progetti ed essere sempre più sinergici. Infine si prevede l’attivazione di uno spazio web per i partecipanti allo Studio.

Formazione

Tra gli obiettivi raggiunti, si possono annoverare:

  •  il corso di “Formazione Formatori” realizzato a Loppiano nel luglio 2009
  • quelli corsi di formazione al Counselling tenutisi nel mese di gennaio 2010 e rivolti ai PdF
  • i corsi accreditati dalla IMR per la formazione continua (ECM) che la Regione Abruzzo ha reso obbligatori per tutti i Pediatri di famiglia abruzzesi.
  • i corsi realizzati attraverso la rete camilliana del Centro di Formazione di Verona a favore del personale Caritas di Pescara e L’Aquila. Questi corsi sono stati attivati a luglio 2009 ed ancora continuano a cadenza regolare.Obiettivo della formazione è l’abilitazione del personale Caritas alla gestione delle dinamiche personali che si instaurano in una situazione conflittuale ed al colloquio pastorale.

 Casa Stella Polare

Estensione dello Studio Rainbow è il progetto Casa Stella Polare che avrà sede alla Torretta, quartiere de L’Aquila. La Casa, nodo del sistema di diagnosi, prevenzione, cura e trattamento del PTSD in età evolutiva sarà gestita dalla CTF che affiderà i vari compiti a professionisti ed a membri di Caritas Diocesana L’Aquila. Coordinerà l’attività scientifica la Dott.ssa Daniela Consales (psicologa e psicoterapeuta). Il Centro, oltre a supportare lo Studio Rainbow, offre un servizio ai bambini aquilani, diventando per loro un luogo di aggregazione e di cura.

Diversi studi condotti (Pina A. A. et al., 2008, Luterbach D. et al., 2007, Bokszcanin A., 2008,) su soggetti in età evolutiva hanno, infatti, evidenziato alcuni elementi personali (per esempio il coping attivo e la capacità di giudizio), sociali (la presenza di una comunità; le relazioni interpersonali) ed educazionali (il sostegno paterno, il supporto familiare) che possono fungere come fattori protettivi per la sindrome da stress post traumatico.

Emilia Contarino

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s