Cholera 4 – Haiti – Fides (Italiano)

2010-11-03

AMERICA/HAITI – “Pregate, aiutate, sostenete gli haitiani, siate solidali con loro in ogni modo” dice a Fides padre Binet

Petite Riviere (Agenzia Fides) – Continua l’emergenza colera ad Haiti dove si parla di centinaia di morti confermate per la grave infezione che sta colpendo il paese. Lo ha dichiarato all’Agenzia Fides dalla località Petite Riviere, vicino all’epicentro dell’epidemia, padre Scott Binet, medico camilliano, Coordinatore Internazionale della Camillian Task Force, Presidente di SOS Doctors (CTF-SOS DRS). “E’ molto difficile dare dettagli precisi su questa situazione che continua ad evolvere nel paese insieme agli effetti del grave terremoto che lo ha devastato lo scorso gennaio e che ha privato la popolazione di infrastrutture sanitarie e sociali. Nella regione centrale di Artibonite, dove sono comparsi i primi casi di colera, migliaia di persone soffrono di episodi di diarrea acquosa, febbre e disidratazione acuta, tutti sintomi di una possibile infezione, che mancava nel paese da oltre 50 anni”, continua p. Scott.

“Tuttavia il tasso di morte sta diminuendo grazie ad una maggiore consapevolezza sulla malattia da parte degli abitanti dell’isola ai quali gli agenti sanitari stanno fornendo cure e prevenzioni attraverso una adeguata igiene.”

Stando alle ultime stime, ci sono circa 1300 campi per 1.500.000 profughi (IDPs), molti dei quali nelle vicinanze della capitale Port au Prince. Al Charles Colimon Hospital di Petite Riviere, dove si trova la CTF-SOS DRS, sono stati registrati oltre 500 casi di diarrea acquosa acuta, circa 60 al giorno. L’ospedale è pieno di bambini e adulti distribuiti in tende. Sempre CTF-SOS DRS, insieme all’ong di Port au Prince Doctors of the World, sono impegnati nell’apertura di un centro per il trattamento e la prevenzione del colera a Solino vicino ad un campo che ospita 6500 IDPs”.

Riguardo alle cause che hanno potuto scatenare questa epidemia, il medico camilliano sostiene che non sono ancora chiare dal momento che nell’isola non si verificava dal 1960. “Gli esperti, secondo padre Scott, concordano nel fatto che le precarie situazioni sanitarie e igieniche hanno favorito i contagi. Il batterio del colera poteva essere presente nel fiume Artibonite o nelle sorgenti di acqua stagnante ancora prima del terremoto. Mancano dati concreti sulla malattia, ma dal 5% al 16% delle morti tra i bambini haitiani sono dovute alla diarrea acquosa che è difficile diagnosticare. La cosa più importante da fare adesso è contenere la malattia che rischia di raggiungere le coste dell’isola di Hispaniola e la Repubblica Domenicana.

Haiti purtroppo rimarrà in stato di crisi umanitaria anche nel 2011. La ripresa e la ricostruzione del paese procede molto lentamente, si deve lavorare su più fronti, compresa la tutela di donne e bambine vittime di violenze sessuali, oltre che sul piano sanitario e sulla sistemazione dei sopravvissuti. Servono urgentemente rifugi, acqua potabile e farmaci. Molte case sono andate distrutte e altre sono in rifacimento. A breve ci saranno le elezioni e si vedrà se risentiranno di questa situazione”.

Nel suo appello alla comunità internazionale, padre Scott conclude invitando tutti a “non dimenticare Haiti e la sua gente, ad avere compassione di questa povera gente colpita dal terremoto e da questa grave epidemia di colera, senza però dimenticare le sofferenze passate dalle quali provengono e che li vede in situazioni di povertà estrema e sottosviluppo”.

“In quanto sacerdote e medico, continua padre Scott, riconosco che l’uomo è composto da corpo e anima e che curare uno a discapito dell’altro è un disservizio per i nostri fratelli. Gli haitiani meritano il nostro aiuto e la nostra compassione come nessun altro, ancora di più in un certo senso, date le loro circostanze difficili. Pregate, aiutateli, sosteneteli economicamente o in qualsiasi altro modo anche attraverso organizzazioni solidali. Siate solidali con loro in ogni modo”. (AP/SB) (3/11/2010 Agenzia Fides)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s